Testimonianza:

Davanti al materiale d’indicibile malvagia – veicolato dalla propaganda del regime – che ieri è stato condiviso sulla nostra lobby, devo fare una confessione. Anzi, fare un gesto di umiltà.

In tutti questi anni non sono stato capace di prestare attenzione a queste fonti. E’ stato proprio una incapacità mia. Per chiunque abbia un cuore umano sano, leggere di questa perfidia è una tortura.

Stavo a Damasco a marzo 2011 e ho visto con i miei occhi la portata di rinnovamento della rivoluzione siriana. L’ho visto innanzitutto nell’insicurezza del regime: per la prima volta aveva perso l’iniziativa. Stava sulla difensiva su tutti i fronti.

Costretto di tornare in Europa, ho seguito il dibattito nostrano. La propaganda pro-Asad ha cominciato a girare a pieno regime dopo l’inizio del 2012. Per un anno ho cercato il confronto con gli ambienti storici della sinistra italiana, al livello di militanza – non avendo contatti nelle sfere dirigenziali.

E’ stato inutile. Perché mancavano tre elementi: la conoscenza storica e sociologica approfondita del Medio-Oriente, la volontà di elaborare un pensiero coerente e la capacità di staccarsi dall’informazione immediata veicolata dai mezzi d’informazione pro-regime.

Soltanto ora mi rendo conto dello sforzo immane che hanno fatto invece coloro i quali questo confronto l’hanno continuato a portarlo avanti. Penso in primo luogo a persone come Lorenzo Trombetta, Germano Monti, Lorenzo Declich, Mary Rizzo, Alberto Savioli, Samantha Falciatori, Fouad Roueiha,… e ne dimentico tanti!

Personalmente ho voluto privilegiare insieme ad altri la necessità di ripensare il destino di tutta la regione, considerato che non si tornerà più indietro in Siria – cioè alla situazione pre-marzo 2011. Non è prematuro farlo perché il futuro si costruisce nel presente; per altro lo facciamo senza sostituirci alle popolazioni locali impegnate in prima linea, piuttosto mettendo loro a disposizione le nostre competenze.

La Siria di oggi assomiglia per certi versi a quello che è stato il destino della Polonia dopo il trattato di Versailles del 1815: cioè è scomparsa come protagonista indipendente – anche se il regime cercherà sempre di riscattarsi in un modo o un altro!

Non mi dilungo, che non è questo il luogo, voglio solo testimoniarvi il mio profondo rispetto, e la mia sincera stima.

un militante napoletano

Geef een reactie

Vul je gegevens in of klik op een icoon om in te loggen.

WordPress.com logo

Je reageert onder je WordPress.com account. Log uit /  Bijwerken )

Google+ photo

Je reageert onder je Google+ account. Log uit /  Bijwerken )

Twitter-afbeelding

Je reageert onder je Twitter account. Log uit /  Bijwerken )

Facebook foto

Je reageert onder je Facebook account. Log uit /  Bijwerken )

Verbinden met %s