Lettera ad un compagno stanco di Milano, oltre l’insignificanza di Sinistra Anticapitalista:

Caro, spero che stai meglio.

Sai, ci ho ripensato a quello che mi hai scritto ieri sera.. Devo essere sincero: non condivido il pessimismo che puoi esprimere tu o qualunque altro compagno che stimo. Per due motivi: non sta vincendo il regime del boia in sé, ma stanno vincendo le potenze sue alleate: Russia, Iran, Turchia che hanno mandato truppe per ritagliarsi pezzi della Siria a proprio vantaggio. Certamente, sotto-sotto il regime continua a massacrare, è ovvio. Però dovesse venire meno il sostegno estero, Bashar si scioglie come ghiaccio al sole.

Chiaramente di tutto ciò sarebbe necessario dibattere e dovremmo approfondire, però qualunque spazio collettivo di confronto tra di noi è stato monopolizzato dai romani gli ultimi due anni per focalizzare il paese sulle iniziative dettate da loro.

Le invasioni già avvenute della Siria porteranno una doppia contraddizione: interna alla Siria – come verrà tollerata questa occupazione a medio-termine? Porterà tensioni, lo sai quanto lo so io. Poi, in quanto Stati proto-imperialisti, questi tre attori si portano le contraddizioni dentro casa: è già evidente nel caso iraniano; però anche Putin teme come la morte un ripetersi dello scenario sovietico dell’Afghanistan.

Aggiungo, non ho il lusso di mollare, perché fin quando un siriano che combatte davvero per la Libertà resta in piede, noi occidentali opulenti dovremmo essere almeno in due, cioè il doppio!

Però non ti voglio fare una testa di chiacchiere, sei più grande di me, hai più esperienza e conosci meglio le dinamiche italiane. Dunque la mia stima e il mio rispetto rimangono immutati. Ti chiedo solo una cosa, e lo faccio con umiltà: non ci cascare più nelle manovre mediatiche dei “grandi di Roma”, che essi siano giornalisti o attivisti conosciuti!

Quelle iniziative promosse a fini propri, quasi elettoralistiche, non hanno giovato alla costruzione capillare di una consapevolezza rivoluzionaria in Italia, solidale con i siriani.

Servono dei circoli, non dei capi cantiere!

E’ so quanto i circoli siano difficili da costruire e consolidare: StUpRS sono sette anni che combattiamo con gli imbecilli! Oppure con chi si gode lo statuto dello studente benestante.

Comunque, e chiudo: rispetterò la tua scelta qualunque essa sia. Però non mi troverai a difendere altre iniziative nazionali che non siano partite dai territori e che confluiscano da lì. Non dettati da “grandi” di Roma cioè.

Sono un cittadino straniero questo sì, ma per questo sono anche immune a certi canti delle sirene.

ti stimo e ti voglio bene, un grande abbraccio,

Paulo

Geef een reactie

Vul je gegevens in of klik op een icoon om in te loggen.

WordPress.com logo

Je reageert onder je WordPress.com account. Log uit /  Bijwerken )

Google+ photo

Je reageert onder je Google+ account. Log uit /  Bijwerken )

Twitter-afbeelding

Je reageert onder je Twitter account. Log uit /  Bijwerken )

Facebook foto

Je reageert onder je Facebook account. Log uit /  Bijwerken )

Verbinden met %s